Favignana, Lampedusa e Pantelleria: isole siciliane che incantano

Ecco qui tre perle della nostra bella Italia, tre gioiellini in cui passare una vacanza di mare bellissimo e relax stando ad un passo da casa e senza spendere troppo.

FAVIGNANA

Con un volo su Trapani e un traghetto veloce arriviamo in questa bella isoletta che fa parte dell’arcipelago delle Egadi. Il nostro appartamentino è nel paesello, un piccolo centro abitato con negozietti e ristorantini, dove affittiamo anche uno scooter che ci servirà per perlustrare l’isola. Oltre alla passeggiata sulla corsarola, da vedere ci sono gli Ex Stabilimenti Florio (erano usati per la  lavorazione del tonno, attività molto importante per l’isola), il Forte sul Monte Santa Caterina, e qualche edificio del XV secolo. L’isola è famosa anche perché fino a pochi anni fa avveniva la mattanza, la pratica della pesca dei tonni su imbarcazioni comandate dal Raìs (noi abbiamo avuto l’occasione di conoscere l’ultimo e più importante di questi).

Una delle spiagge più suggestive di Favignana è Cala Rossa, dalle acque incredibilmente azzurre.DSC04166

Proseguendo verso sud-est troviamo Cala del Bue Marino  e le cave di tufo che le fanno da cornice.

A sud la piccola spiaggia di Cala Azzurra fino ad arrivare a Lido Burrone, qualche anno fa l’unica spiaggia attrezzata di tutta l’isola. Ogni giorno visitiamo un posto diverso e bellissimo, ma qui ce ne sono davvero molti. Così insieme a due amici decidiamo di noleggiare una piccola barchetta e di fare il giro dell’isola (che poi diventerà il giro di mezza isola perché a causa del vento non c’erano le condizioni di sicurezza per farlo).

Cala azzurra favignana
Cala Azzurra

Altri posti da vedere sono Cala Pirreca-Preveto, una bella spiaggia di sassolini e ciottoli,  e Cala Rotonda.DSC04188

Le serate le trascorriamo a mangiare in paese piatti tipici siciliani e a fare due passi…bellissima vacanza di mare e riposo!

LAMPEDUSALAMPE DONA2 005

Una vacanza dell’ultimo minuto si è trasformata nella scoperta di un’isola davvero bella! Oltretutto abbiamo avuto la fortuna di avere amici lì che conoscevano bene il posto e quindi ci siamo fatti gran bei giri in barca e catamarano e grandi mangiate di pesce. Quando siamo in posti con un mare così bello, ci piace stare in spiaggia tutto il giorno ad ammazzarci di bagni e di sole. Purtroppo ad agosto a Lampedusa ci potevamo godere la pace in spiaggia solo fino all’ora di pranzo , quando venivamo attaccati su tutti i fronti da orde di turisti o autoctoni che quasi ci si mettevano sopra l’asciugamano… per questo ringrazio chi mi ha suggerito di prenotare escursioni in barca per poter uscire dal caos estivo!

Lampedusa fa parte delle isole Pelagie ed è più vicina all’Africa che alla Sicilia. La  parte nord, rocciosa e raggiungibile in barca, ha degli scorci meravigliosi: i colori del mare ricoprono tutte le sfumature del verde e del blu. La parte sud invece è formata da calette di sabbia tutte da scoprire.

La spiaggia più famosa è quella di fronte all’Isola dei Conigli, l’azzurro che si vede prima di scendere il sentiero fa venire voglia di buttarsi immediatamente! Poco più in là c’è un’altra meraviglia, Cala Pulcino, decisamente meno affollata perché per raggiungerla è necessario camminare per circa una mezz’oretta: a noi piace camminare e quindi ci siamo andati diverse volte perché ne vale proprio la pena!LAMPE DONA1 058

Sempre sulla costa sud ci sono diverse altre cale molto carine come Cala Madonna (da cui quell’anno alcuni volontari avevano liberato in mare tante tartarughine Caretta-caretta) e Cala Croce fino ad arrivare alla Guitgia, la spiaggia del centro abitato. Il mare è bello ma l’atmosfera selvaggia di altri posti qui è solo un ricordo…troppo vicina ad alberghi e case!

La costa est ha gli scogli come accesso al mare ma anche qui si trovano posti molto belli: da Cala Creta a Cala Grecale fino a Mare Morto, posti ottimi per tuffarsi e per fare snorkeling.

Se fate un tour in barca, assolutamente da vedere i Faraglioni e Tabaccara.LAMPE DONA1 077

Noi non abbiamo fatto vita mondana,ma questa piccola isola offre alcuni bei posti per divertirsi e per passare le serate. Direi che c’è tutto il necessario per una bellissima vacanza!

PANTELLERIA

La più grande delle isole di cui vi parlo in questo articolo ma anche la più controversa per me. Ci sono stata due volte perché penso che il mare qui sia da urlo ma purtroppo entrambe le volte mi sono scontrata con la triste realtà che qui non c’è nemmeno un granello di sabbia, zero assoluto! A molti sicuramente piacerà così, io invece dopo poco mi stufo degli scogli. Detto questo, i colori del mare e l’ospitalità degli isolani mi hanno fatto passare delle belle vacanze.PANTE 052

Pantelleria è grande ed è mooooolto ventosa, per cui abbiamo scelto di girarla in auto. La nostra base è a Scauri , in affitto da una simpatica famiglia che ogni giorno ci fa trovare fuori casa prodotti tipici e freschi. La nostra prima destinazione sarà Nikà. Il sentiero di circa 15 minuti porta agli scogli dove lasciamo le nostre cose per buttarci nell’acqua verde smeraldo; in certi punti l’acqua è calda perché siamo in prossimità di sorgenti bollenti (attenzione  a non scottarsi andando troppo vicino) ed il bagno è proprio piacevole. Come spesso accade su quest’isola,  il mare è mosso e vicino agli scogli può essere impegnativo fare il bagno.

Molto belle la Balata dei Turchi e Martingana, ore e ore a mollo a fare snorkeling vista l’acqua limpidissima.

Foto di rito all’Arco dell’Elefante, una roccia che assomiglia ad uno di questi animali con la proboscide in acqua e poi dopo un po’ di chilometri tappa obbligatoria al Lago Specchio di Venere, situato nel cratere di un ex vulcano e alimentato da sorgenti calde e dalle piogge. Giornata di relax in questo bel lago caldino anche perché bisogna proprio provare a fare gli impacchi con il fango del posto 🙂IMG_0632PANTE 106

Altra zona termale è Cala Gadir,che però è costituita da vasche scavate nella roccia e facilmente raggiungibili. Abbiamo preferito Nikà perchè più naturale e selvaggia.

Cala Cinque Denti è davvero molto bella e riparata dal vento, purtroppo proprio per questo meta di numerose imbarcazioni che , a mio avviso, rovinano un po’ lo spettacolo.

Un altro posto carino da vedere si trova all’interno dell’isola , la Grotta di Benikulà. E’ una sauna naturale, poichè il vapore acqueo esce da una spaccatura della roccia. Si percorre un sentiero in mezzo alla vegetazione e poi ci si può rilassare tranquillamente dentro alla grotta.

Insomma posti belli da vedere anche qui ce ne sono, i dammusi sono un’attrazione caratteristica e le specialità locali tipo capperi e passito da provare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...